Italiano English

Blog

I CIBI CHE FANNO BENE ALLA VISTA

Melone. Ricco di vitamnina A e carotenoidi, i pigmenti che lo rendono di colore arancione, questo frutto estivo fa bene alla vista. Vitamina e carotenoidi entrano nella composizione della rodopsina, sostanza sensibile alla luce presente sulla retina.

 

Albicocche. Fonte preziosa di carotenoidi, le albicocche hanno il vantaggio di contenere anche sali minerali in quantità.

 

Mirtilli. Sono ricchi di antociani, i pigmenti di colore blu che gli danno quel particolare colore tendente al viola, preziosi antiossidanti che proteggono i delicati capillari della retina, rinforzandoli e migliorandone l’elasticità.  La funzione più importante di questi pigmenti, infatti, è proprio quella di proteggere dai radicali liberi e dai raggi ultravioletti. Inoltre, sono in grado di rafforzare le pareti dei vasi sanguigni.

 

Peperoni. Consumati crudi sono una fonte eccellente di vitamina C, che fa attivare anche la vitamina E, presente nel peperone, e svolge la sua funzione antiossidante, proteggendo i tessuti oculari e la pelle dai danni dei raggi ultravioletti del sole.

 

Pomodori. Fonte di licopene, un potente antiossidante che appartiene alla famiglia dei carotenoidi. Questa molecola agisce come “filtro solare” proteggendo dai raggi ultravioletti tutti i tessuti oculari e soprattutto la retina.

 

Insalate. Grazie alla presenza dell’acido folico, assicura una corretta produzione di globuli rossi, assicurando una buona ossigenazione alle cellule.

 

Uova. Il tuorlo è una buona fonte di vitamina A, indispensabile per la visione notturna. Una carenza di vitamina A può alterare la capacità visiva in situazioni di penombra, inoltre può danneggiare anche la congiuntiva e la cornea per ostruzione dei dotti lacrimali.

 

Mandorle. Sono ottime fonti di vitamina E, un potente antiossidante che agisce in difesa delle membrane cellulari.

 

Pesce. È una miniera inesauribile di acidi grassi omega-3, molecole indispensabili per garantire l’elasticità delle membrane cellulari e la viscosità del sangue.

Scrivi un Commento

ATTENZIONE: non inserire HTML!
    Pessimo           Ottimo